sabato 25 giugno 2016

Fare come le ipomee

Queste morning glory di primo  mattino sono una meraviglia assoluta!
Sembra abbiano all'interno del calice una luce santa , pura, per non parlare poi delle foglie, a forma di cuore...le sento quasi palpitare, emozionate
Oh come amo le ipomee!
 Mi piace il loro modo di salire. Mi piace il loro modo di abbracciare le cose che hanno intorno, senza ritegno, ed il loro slancio  senza stare a chiedersi, posso o non posso, sarò indiscreta o no?
Queste sono cose di uomini!
Loro fanno come i bambini , abbracciano e fioriscono e basta...senza pregiudizi, senza giochi di potere, ma con la forza dell'amore puro
Una delle loro caratteristiche migliori è che con  il caldo crescono e salgono più velocemente...
e  più in alto salgono , più fioriture  producono.
Paragono le Morning Glory all'uomo che più  si sente amato, più sente il calore dell'amore , più dà il meglio di se.
Dura solo un giorno la loro fioritura, ma  indipendentemente da quando  tempo rimangono aperti i convolvoli, benedicono la mia giornata e mi fanno sentire  grata per il dono di questo  nuovo giorno.
Inoltre, nel corso degli anni questo  splendore  di fiore mi ha aiutato a capire che la lunghezza della vita è molto meno importante dell'entità  di bontà e di amore che ogni essere vivente ha dentro di se .


martedì 21 giugno 2016

Un giardino nel centro storico

 Nel mio gruppo FB  https://www.facebook.com/groups/294284187332016/?fref=ts Balconi terrazzi e giardini, ho conosciuto un nuovo amico ,con la stessa passione per il giardinaggio e proprietario di un bel giardino
Dalle foto che postava mi incuriosiva molto e tutto mi faceva pensare che fosse  anche della mia zona
Mi metto in contatto con lui  e fissiamo un appuntamento .  Domenica pomeriggio c' incontriamo.
Per suggellare la nascente amicizia gli porto una piccola piantina di petunia messicana . Scelta molto azzeccata, devo dire, ora che ho conosciuto il suo giardino
Situato nel centro storico di un piccolo paesino salentino, chiuso tra le mura di un antico palazzo attiguo alla chiesa . Dalla strada si vede solo una pianta che strasborda dal muro inerpicandosi  lungo il palo della luce.
E' l'aristolochia gigantea, un rampicante dalla crescita rapida e dai fiori giganti






Naturalmente come ogni buon giardiniere che si rispetti mi regala, a sua volta, qualche seme e altre piccole piantine.
Coloro che amano le piante hanno  un animo generoso .
Ma come sono strani questi semi! Hanno  la forma di piccolo paracadute.
Entrando mi  trovo su di uno spiazzo arredato con panchine e vasi antichi ricolmi di fiori. 
 A sinistra una grande vasca rialzata  sormontata da colonne antiche dove trovano posto numerose tillandsie .  Sparsi quà e là ,con curato disordine , vecchi orci e  giare. Sullo sfondo piante esotiche :sterlizie , un grande albero dalle foglie enormi dalle quali si ricava la carta di riso,e felci di vari tipi . Tutto è così verde e fitto da dare l'impressione di una piccola foresta tropicale.
Nel laghetto  carpe koi dai bellissimi colori  che si divertono a rincorrersi creando mulinelli e bolle sulla superficie dell'acqua.  Sono l'attrazione principale del giardino.
 Mai avevo visto pesci così grandi  in un laghetto!
Attira la mia attenzione una vecchia pila in pietra ricolma di ninfee e ai suoi  piedi tre vasi con dei Sempervivum a forma di rosa .Molto particolari, devo dire!



E poi un vaso che alloggia pomodori ,peperoncini e basilico per una nota mediterranea ,insieme alle numerose piante di capperi.
Un misto di culture sembrano convivere in questo giardino: un po mediterraneo, un po zen, un po tropicale , un po urbano.un po campagnolo.

Oltre ai pesci non mancano altri animali : Pepa, un  piccolo cane  , un pollaio con le galline ,i piccioni che vanno e vengono dal campanile vicino ed un grande e simpatico pappagallo giallo in una grande gabbia che si diverte a fare il bagno mandando schizzi d'acqua sul pavimento.
Grazie per questo piccolo tour e per avermi permesso di postare queste foto al mio nuovo amico ....è stato come vedere in scala ridotta un posto esotico che mi porto nel cuore.






venerdì 17 giugno 2016

La regina della notte



Mi ci sono voluti la bellezza di otto lunghi anni, prima di riuscire a vedere questa meraviglia della natura.
E pensare che a primavera , mi era venuta la tentazione di eliminarlo perche' stava diventando molto lungo e di fiori neanche un piccolo accenno . 
Poi, l'ho cambiato di posto , su consiglio di una mia amica. L'ho messo all'ombra sotto la tettoia del terrazzo e l'altro ieri ,salendo per annaffiare ,come ogni sera, avverto un profumo insolito ,mi giro e vedo : la REGINA DELLA NOTTE
Sono rimasta ammutolita e a bocca aperta  mai ,e dico mai ,avevo visto un fiore di tanta maestosa bellezza! 

Criptocereus antonianum - E' il suo nome, ma nel mondo è conosciuto con tanti altri nomi :
Cactus de San Antonio, Cactus zig-zag, Flor de la noche, Pitayita nocturna helecho, Reina de la noche, Espina de pescado (español); Cacto-costela, Cacto orquídea, Dama da noite, Jasmim cacto, Rainha da noite (portugués); Fishbone cactus, Fish bone cactus, Princess of the night, Queen of the night, Rick rack cactus, Zig-zag cactus, St. Anthony’s rik-rak (inglés); Reines de la nuit (francés); Cactus , Spina di pesce (italiano)....

  • E' fiorito il giorno di S.Antonio e per questo penso si chiami anche così.
  • Assomiglia ad una grande e bellissima orchidea, 
  • Ha un profumo che no so descrivere talmente è bello e persistente,quasi quanto quello dei gelsomini.
  • E' un fiore  raro
  • Si apre in tutta la sua magnificenza all'imbrunire, da qui il nome regina della notte
  • Si presta molto bene ad essere coltivato in vasi appesi, vista la lunghezza delle sue foglie
  • Che altro dire...m' inchino allo spettacolo che madre natura di tanto in tanto offre ai miei occhi e a sua maestà , la regina.





martedì 14 giugno 2016

oleolito alla lavanda



 Anche sul balcone si può respirare un'aria campagnola.
La mia lavanda è carica di spighe viola che ondeggiano al vento mandando folate di delizioso profumo in casa. Stamattina ne ho raccolto un mazzetto e ho preparato un oleolito alla lavanda .
Mi sarà utile come lenitivo, e per i massaggi.
E' bello vedere che i fiori oltre ad abbellire,  sono  anche utili



Una volta piantate, le piccole piante vanno potate durante il primo anno per preservare le energie che altrimenti sarebbero concentrate nella fioritura, e favorire così l’accestimento del cespuglio. Negli anni seguenti si effettua una potatura a inizio primavera.

Le spighe fiorite si raccolgono in mazzi e si lasciano seccare a testa in giù in luogo arieggiato e asciutto. Una volta secche, sbriciolate e messe dentro sacchettini di cotone, profumeranno e terranno lontane le tarme all’interno del guardaroba.

Sparse nell’acqua del bagno, sono un vero e proprio rimedio aromaterapico defaticante e rilassante.


venerdì 10 giugno 2016

Il compito della coscienza


L'educazione della coscienza è un compito di tutta una vita
Una coscienza che sappia fare un giro nel cuore, sondandone i percorsi ed i moti e che sappia la giusta distinzione fra il bene ed il male...
Un'educazione che insegna la virtù; preserva o guarisca dall'egoismo e dall'orgoglio, dai sensi di colpa e dai moti di compiacenza, che nascono dalla debolezza e dagli sbagli umani. L'educazione della coscienza garantisce la libertà e genera la pace del cuore.









martedì 7 giugno 2016

Fiumi di parole

 Fiumi di parole attraversano l'aria.
Se  rimaniamo  in silenzio  riusciamo a sentirle : urlate , sussurrate ,cantate, bisbigliate, interrotte ,calde, strazianti, timide, invitanti, dolci, motivanti, stonate, languide, illuminanti, incitanti, emozionanti, sarcastiche, irriverenti, allarmanti, poche, tante, divertenti, educate, giuste, sbagliate...
Potrei continuare ancora per molto , così tanti sono gli aggettivi e così tante la parole che ogni giorno si dicono .
Quasi sempre volano via, ma alcune a volte,  rimangono ferme bloccate a mezz'aria, qualcosa o qualcuno le trattiene.
 In questa moltitudine di parole e di suoni , quelle che non riusciamo più , purtroppo , a percepire  sono le parole che provengono dal cuore.
 Non ci sono lettere e sillabe nel cuore, perchè qui, non c'è bisogno di parole .
Qui tutto è un sentire , le parole se ci sono, si leggono  negli occhi , guardandosi  direttamente in faccia.
Non possono essere fraintese , le parole del cuore!
  Hanno tutta la potenza e il calore dei sentimenti  e si sentono forti , per questo!
Possono essere messe in discussione , ce ne potrà essere qualcuna stonata, tra tante , la percepiamo a volte, ma  se siamo certi della sua provenienza, non potrà farci male o ferirci.
Se poi , siamo convinti delle nostre verità perdendo  fiducia nella sincerità delle parole, trovandole per questo menzognere  , basterebbe  farci guidare nel giudizio  dal numero   delle  azioni  che l'altro fà o ha fatto, in passato , per noi.
 Con i fatti non ci si può sbagliare!.
Non possono le azioni  dare adito a cattive interpretazioni.
Non hanno  le mille  sfumature delle parole  e confondere, sono sincere loro, o sono bianche o sono nere. Le vedi!
Senza lettere e senza alfabeto comunicano ciò che devono .

Un migliaio di parole non lasciano un’impressione tanto profonda quanto una sola azione.
(Henrik Ibsen)
Le parole erano inadeguate o impossibili. Intendevano troppe cose. Oppure significavano nulla
(Patricia A. McKillip)

Le parole sono il diavolo, noi lì a credere di lasciarci uscire dalla bocca solo quelle che ci convengono e, tutt’a un tratto, ce n’è una che s’intrufola, non abbiamo visto da dove sia spuntata, nessuno l’aveva chiamata, e, a causa di quella parola, che non di rado avremo poi difficoltà a ricordare, la rotta della conversazione cambia bruscamente quadrante, ci mettiamo ad affermare ciò che prima negavamo, o viceversa.
(José Saramago)

mercoledì 1 giugno 2016

Raccolta erbe spontanee







Giornata insolita passata nell'agriturismo Spirdo http://www.spirdo.it/ sulla collina del mio paese ad imparare a riconoscere e raccogliere le erbe spontanee commestibili  . 
Erano tantissime ed era facile confonderle tra di loro,  con le erbe non si scherza!.
 Meglio lasciarle dove sono ,se non siamo sicuri di cosa stiamo  raccogliendo, potrebbero essere molto , molto pericolose... 
Il nostro bagaglio consisteva in:  un sacchetto ed un coltellino,  un piccolo taccuino con una penna per gli appunti e l' immancabile macchinetta fotografica per le foto.
E' stato davvero istruttivo : ora , conosco qualche nome e qualche curiosità  in più  sulle piante 
La pimpinella, il tasso barbasso , l'iperico, il teucrium, l'elicriso e via di seguito... sarebbe troppo lungo  elencarle tutte








Al rientro dopo una sorsata d'acqua fresca, nella grande cucina dell'agriturismo, abbiamo assistito alla selezione e cottura di alcune erbe raccolte

L'insegnante , ci ha preparato le orecchiette(Siamo nel Salento,non potevano mancare) con un misto di erbe aromatiche ,BUONISSIME; ed un altro piatto fatto con l'interno delle pale giovani, dei fichi d'india. Una vera novità, non mi aspettavo che si potessero  mangiare... con tutte quelle spine!
Durante il pranzo ,  ci siamo scambiate le nostre conoscenze botaniche insieme alle nostre e-mail e ai nostri numeri telefonici....Sono nate nuove e belle amicizie.

Poi, tutti all'aperto sotto i grandi alberi d'ulivo, tra vasi e vasetti, ad apprendere le preparazioni degli oleoliti, mieliti, unguenti e pomate.
Madre  natura non solo ci sfama , ma ci  cura, e ci delizia








venerdì 27 maggio 2016

Là dove coltivi la rosa, non può crescere il cardo.”

Maggio è il mese  delle rose...ed io non posso fare  meno di fare una piccola carrellata delle mie
Curate con pazienza ed amore mi ripagano con la loro bellezza
 Non ho cespuglioni fioriti ,ma piccole piante in vaso,  sufficienti ad inondare l'aria di pregiati profumi e l'animo di delicate carezze


“Cose assai sorprendenti possono accadere a chi, avendo nella mente un pensiero sgradevole e scoraggiante, abbia il buonsenso di accorgersene e scacciarlo via in tempo sostituendolo con un altro pensiero piacevole e ottimista. Due cose non possono occupare contemporaneamente lo stesso posto.
Là dove coltivi la rosa,
Non può crescere il cardo.” 
Frances Hodgson BurnettThe Secret Garden




martedì 24 maggio 2016

Rosa "Blue for you"

 Blue for you....Così si chiama la nuova piccola rosa .
E' un arbusto che non raggiungerà i 60 cm di altezza , pensavo fosse di un blu più intenso ,invece è quasi violetto ,ma la trovo ugualmente deliziosa.
Sta bene sul terrazzino insieme alla mia clematis ,di una o due tonalità più chiara, che sta crescendo a vista d'occhio...
 Oggi le nuvole di tanto in tanto coprono un sole raggiante.
 Ombra e luce si alternano  oscurando o mettendo a nudo piccoli dettagli .
Ma non sono i dettagli che ti fanno amare di più un fiore piuttosto che un altro, certo sono i dettagli che lo caratterizzano e che facilitano il suo riconoscimento fra tanti


 E'  l'insieme che conta, le sensazioni  , l'allegria , il colore, il tempo che gli  hai dedicato e la bellezza che ti dona, ed infine il suo ricordo quando poi viene a mancare .

"Blue for you," la dedico a tutte voi che di tanto in tanto vi affacciate sul mio blog,con l'augurio che il vostro cielo sia sempre più blu .
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis

Bookmark and Share